Le manovre salvavita possono salvare un bambino in più del 90% dei casi

Le manovre antisoffocamento sono dei semplicissimi gesti che, quando ben fatti, possono salvare un bambino. Continua a leggere…

Ancora una volta le cronache ci raccontano della morte di bambini per soffocamento provocato da cibo o da oggetti ingeriti accidentalmente. A 10 anni una bambina è soffocata uccisa da un boccone di carne. Inutili sono stati i soccorsi dei sanitari del pronto intervento che hanno tentato di rianimarla.

La tragedia si è consumata nella sua casa di Melissano, in Salento, dopo aver ingerito, a quanto si apprende, un pezzo di carne. I genitori se ne sono accorti e hanno cercato inutilmente di aiutarla, ma la bambina ha iniziato a mostrare chiari segni di ipossia e hanno chiamato il 118. Il boccone le sarebbe andato di traverso, ostruendole le vie respiratorie. Inutili i soccorsi dei sanitari del pronto intervento che hanno tentato di rianimarla. Il pm di turno del Tribunale di Lecce non ha ritenuto di disporre l’autopsia.

Un fatto, questo, che riporta alla memoria quanto successo a marzo di quest’anno quando, fu un 58enne di Maglie a morire in circostanze simili. In questi casi, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è completamente inutile attendere l’arrivo dell’ambulanza. Se un boccone va di traverso, o si eseguono immediatamente le manovre di salvataggio suggerite da medici e pediatri o il bambino muore. Fra i bambini da zero a quattro anni il soffocamento è la seconda causa di morte dopo gli incidenti stradali.

Purtroppo, oggi nel nostro Paese pochissimi genitori conoscono le manovre salvavita. Ecco un video molto interessante realizzato dall’emittente televisiva siciliana OndaTV visibile sul canale 85 e in streaming su www.ondatv.it

La `classifica´ dei cibi più pericolosi vede al primo posto le amate caramelle, seguite da pezzetti di carne, chicchi d’uva e noci; in pole position fra gli oggetti rischiosi le monete e i palloncini sgonfi.

Segui MedicinaNotizie.it anche su facebook mettendo “mi piace” alla pagina: CLICCA QUI

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *